Buon Natale

di Jacopo Musicco

ISSUE #38 – Mamma

Di solito era lei a svegliarlo. Prima accendeva la luce sul comodino, poi con calma si avvicinava al suo letto, apriva le persiane della finestra che dava sul cortile e gli dava un bacio sulla fronte, lasciandogli un segno umido che lui strofinava via con il palmo della mano. Quest’anno era diverso, c’era silenzio nella stanza.

Si alzò. Mise i piedi per terra e il freddo delle piastrelle lo invase provocandogli uno spasmo. Guardando le luci dell’albero si accorse che erano spente; a lei piaceva lasciarle accese. Il Natale dura poco tanto vale godersi i suoi colori, ripeteva sempre. Non aveva nevicato durante la notte, ma i tetti erano ancora ricoperti da un sottile strato di nevischio depositatosi prima della Vigilia. Era strano fissare i tetti dei palazzi di fronte il giorno di Natale, una volta che lei lo aveva svegliato la salutava frettolosamente e si fiondava sui regali senza pensarci due volte. I tetti erano l’ultimo dei suoi pensieri. Quella mattina invece provava quasi una sensazione di sollievo nel sapere che quei tetti erano ancora lì, sporchi e imbiancati.

Inspirò profondamente l’aria della stanza, il freddo gli entrò rapido nei polmoni ancora assonnati. Si avvicinò al letto matrimoniale, che ora gli sembrava stranamente più piccolo, e osservò la curva che la pancia di suo padre formava con la coperta. Lo scosse toccandogli leggermente la spalla. “Buon Natale papà,” disse sotto voce. Buon Natale mamma.


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.