Collabora

box_1200x600

Nel prossimo Lahar Magazine #30 – Superbia si parlerà di:

Kanye West, Don Chisciotte, pavone, vittoria, samurai, chirurgia estetica, dio, Oliviero Beha, scettro, Babele, Renzi che fa cose, imperium, altezza, leone, sottomissione, Corona, doge, haters, hybris, Napoleone, pretesa, Biancaneve, Zlatan, ghigno…

L’impulso sarà quello di cercare su Google, anzi, sulla Treccani l’applicazione ça va sans dire e pensare con il sorriso appena celato da pescivendolo: “Stavolta si che sarò originale, vedrai che chicca mitologica ma anche un po’ pop che stanerò per smerdare quei quattro buffoni della redazione con il mio ricercatissimo nozionismo e per stupire i lettori, quei quattro bifolchi”. Dunque ci si lavora un po’, ci si lascia un po’ andare all’autobiografia, ma suvvia, con una vita così interessante ed un bagaglio di esperienze tale viene quasi naturale sentirsi su un piedistallo, e da scultura vivente, raccontarsi.

Ecco no. Ma proprio no. Il vostro brano è merda d’artista, in senso oggettivo. Non guardate Pietro Manzoni, è pura casualità che passi di qui. La vostra è stata superbia nel pensare di poter creare qualcosa di migliore rispetto ad altri, invece ben consci della loro mera (in)sufficienza.

A ben vedere però, pure chi apostrofa qualcuno dandogli del pescivendolo ostenta, forse, del disprezzo eccessivo, peggio ancora selezionando, criticando e manifestando un’eccessiva considerazione di sé supportata dal nulla, se non dal vuoto pneumatico dell’autoproduzione. Forse il superbo non è colui che si crede migliore degli altri, egli semplicemente agisce: è negli occhi degli inermi spettatori della sua creazione che brucia tra le fiamme del disprezzo, dell’ostentazione, dell’eccessiva considerazione.

Invia le illustrazioni con i seguenti colori, oltre a bianco e nero: CMYK 0-45-90-0 RGB 245-155-35


Hai un’idea brillante da esporre? Hai qualcosa da dire? Lahar Magazine è un progetto aperto a tutti!
Seguendo l’argomento proposto ed attenendoti alle linee guida dello stesso, invia un tuo scritto, una tua illustrazione o una tua foto utilizzando uno dei moduli sottostanti. Le migliori opere che perverranno in redazione entro e non oltre le 23:59 del 15 Giugno 2016, verranno pubblicate nel sito e quelle che si distingueranno maggiormente dalle altre, troveranno il loro spazio sul cartaceo.
Data la necessità della redazione di poter contattare gli autori, non verranno presi in considerazione articoli inviati in forma anonima.

Ancora dubbioso? Scrivici, possiamo aiutarti: redazione@laharmagazine.com o in alternativa sulla nostra pagina Facebook: www.facebook.com/LaharMagazine

Articoli

Limite massimo di 2500 caratteri (spazi inclusi), formato .rtf, carattere Arial dimensione 16. Per gli articoli che supereranno i 2500 caratteri, fino ad un massimo di 5000, c’è la possibilità di valutare un cappello introduttivo di 500 battute che verrà inserito nella versione stampata ed il resto dell’articolo troverà collocazione sul nostro sito.

Illustrazioni

Mandaci la tua illustrazione a 300dpi, formato PSD o JPEG.
I colori – oltre alla possibilità di inserire il bianco e nero – dovranno rispettare i seguenti parametri: CMYK 0-45-90-0
RGB 245-155-35

Utilizza il modulo di invio successivo a quello degli articoli.

Fotografie

Bianco e nero o colori, alta risoluzione, 69×49 cm