È buio e non si vede: fascismo

di Barberina Bala Tema

ISSUE #40 - Buio

Gli amici miei parlano di politica, sempre: studi empirici dicono che la flat tax è un fallimento, se non hai votato PD e coalizione il voto è andato perso, la Bonino è il futuro dei diritti sociali. Il dibattito è sempre acceso, c’è chi si urla addosso tanto al bar quanto all’università, perché per fortuna siam tutti di sinistra, ma ognuno a suo modo e proprio bene non ci si capisce mai. Alcuni amici miei poi hanno letto sui giornali che a Roma, dopo Genova, Torino, Bologna e quante città ancora, i centri sociali sono insorti con proteste antifasciste, bombe a chiodi e agenti feriti, e alla fine dicono “ma possibile ci sia ancora questo estremismo rosso? Ma lo sanno che così sono uguali alle destre?”. Ma io questi amici miei non li comprendo, perché si indignano dei colpi bassi dei disobba contro i manganelli, ma non si chiedono per quale motivo la gente sia finita in piazza. Ma ovviamente non se lo chiedono: nessuno s’è agitato quando Casa Pound e Forza Nuova hanno presentato così tanti candidati e nuovi adepti alle elezioni, fatto comizi in ogni piazza ogni giorno, armato i loro rasati per poi mandarli sulle strade a sparare contro più negri possibili. Nessuno si è allarmato di nulla. Anzi: Massimo Ursino, dirigente di Forza Nuova, viene picchiato da sei individui a Palermo e subito la sinistra più istituzionale porge le scuse per quella ultra-sinistra-ribelle che ha agito con violenza. Ma per chi, per quel Massimo Ursino rinviato a giudizio per lesioni aggravate con movente razziale contro un nigeriano? Lo stesso che poi si è fatto due anni di carcere per un pestaggio con spranghe su due immigrati del Bangladesh? Ho visto gente più triste per le percentuali del rapporto debito-PIL che per Roberto Fiore che dichiara “sono fascista ma dico di no a chi spara e picchia”. Ahhh, caro Fiore, dovremmo gettare nel dimenticatoio la tua eversione nera e i tuoi vent’anni di latitanza all’estero? Sì perché – amici miei – il fascismo ha nuove forme futili che non sono poi tanto quel grezzo di Salvini, o Meloni e compagnia varia ossessionata dagli immigrati. Sia chiaro, fanno comunque pena; ma è l’immagine del topo che ruba il formaggio nonostante la trappola, e tu dai la colpa alla trappola che non ha funzionato bene e stai lì a guardarla invece che dire “caspita però, il topo si è fatto veloce!”. Il fascismo è qui e i miei amici dai loro salottini di filosofie politiche non l’hanno visto, non disinfestano il quartiere dalle pantegane ma si perdono in altro: non chiamano i fascisti col loro nome, discutono sul chi ha picchiato prima chi e lasciano mille impliciti nei confronti di chi propone di abrogare la Legge Scelba; e questo vale anche per la sinistra istituzionale, che a fare la Resistenza non è più capace almeno dalla svolta della Bolognina. Complimenti a tutti voi, amici cari, che persi a parlare di grandi piani economici e del futuro dell’Europa non vi siete accorti che il nuovo fascismo è entrato sornione dalla stanza buia di casa della nonna classe 1924. Ricordiamolo: bello il 1924, ci ammazzarono Matteotti, nato a Fratta Polesine. Fratta Polesine dista 18 km da Rovigo centro. A Rovigo i primi di febbraio apre una nuova sede Casapound.

E ve lo dico io, amici miei: è lungo 18 km l’ultimo briciolo d’antifascismo rimasto.

(Editoriale)


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.