Piccolo dizionario

di Luca Facchini

ISSUE #08 - Superstizioni

Superstizione

Dal latino superstitio¯ne(m), deriv. di supersta¯re “stare sopra”; propr. “ciò che sta sopra, che costituisce una sovrastruttura”.

1 Contegno irragionevole che assegna a cause trascendenti, ultraterrene o metapsichiche fatti ordinari; pregiudizio dettato da insipienza, analfabetismo o bigottismo.

2 (relig.) Torpido atteggiamento reverenziale che attribuisce al divino il potere di esorcizzare un fenomeno negativo o di ispirarne uno desiderato: la superstizione è l’oppio del popolino.

3 (lit.) Giustificazione di gesto rituale scaramantico: toccarsi le palle per superstizione; tradizione che vuole il colore viola vietato agli attori teatrali | vicolo cieco secondo Stevie Wonder: la superstizione non è la strada (migliore).

4 Convinzione popolare accettata senza verifica; identificazione in una condizione altrui, meglio se paranormale; placebo | superstizione liturgica, uno dei capisaldi del controllo sociale; la superstizione del Natale, scabrosa emanazione degli orrendi mercatini caratteristici dei paesi del Trentino.

5 Motivazione dell’altrimenti inspiegabile comportamento della nonna.

di Luca Facchini


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.