Selfiesintesi clorofilliana

di Paolo Battaglino

ISSUE #36 - Foresto

6 CO2

Indipendenti l’una dall’altra, ma infine gruppo, colonia, noi respiriamo sincrone e sorridiamo al brulicare di quegli esserini sotto di noi e ridiamo, ridiamo fino a sobbalzare, divenendo marea verde che singulta, dal ridere e dallo sconvolgimento che ci provocate voialtri, piantati sopra. Oìì! Siam qua! Le alghe!

Voi respirate al contrario, col culo si direbbe, bei come el sol fate carbonio e tutto quel che fate e pensate è carbonio, carbonio e ancora carbonio. Gas, liquidi, solidi. E a chi tocca rimettere tutto a posto? Ma ti gà e scarpie nel serveo?

+ 6 H2O

Venexia è tutt’acqua, sìe ore ea cresse, sìe ea càea. L’acqua è Venexia, ma noi siamo qui da sempre, da prima ancora di Venexia siamo i pensieri, il suo ondeggiare, salire e ritrarre, siamo il colore e l’odore. Voi invece vivete sulle nuvole, sembrate pure voi indipendenti coi vostri rametti semoventi, ma morireste all’istante se lasciati soli. Vi muovete foresti sul nostro mondo e fate strepitare patanelle, motoscafi, megayacht e navi a venti ponti. Sfidate la reazione del fluido, ci sobbarcate soverchiate inquinate l’acqua. Robe de altro mondo, ma te vien dal Doèo? I veri foresti siete voi venexiani.

+ LUCE

E poi voialtri ancora più foresti. Tutti dietro il cartello non andate avanti mai, mastega brodo! Tutti volete vedere Venexia, tutti portarne a casa un pezzettin con quelle macchinette, ci parlate e state con loro come fossero vostri innesti, ma l’innesto siete voi! Catturate la luce, la rinchiudete e se fa brutto sbuffate pure. È tutto vostro. Ma no ti gà na casa ciò?

= C6H12O6

E noi respiriamo Venexia e il vostro carbonio e ne facciamo dolcezza. Cibo per noi e per tutti, anche per quelli che non ne possono fare a meno. Per i pescetti eh ciò! Come di vivere. Di fare carbonio, amare toccare distruggere, a volte creare, quello sì a volte lo fate bene voi foresti.

+ 6 O2

Noi siamo, noi respiriamo e voi continuate a fare carbonio e, se ci vedete e sentite, storcete il naso. Mentre imputridite l’acqua a noi che beviamo, noi vi ributtiamo indietro aria pulita. Sempre pulita. Foresti de la forca!

Noi abbiam bisogno di voi e voi di noi. Ma allora scusa, cerchiam d’andar d’accordo un po’ ciò!


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.