Un sorriso a San Marco

di Mirko Sgarbossa

ISSUE #36 - Foresto

Il gioco di luci della lanterna di prua affascinava il passeggero. Venezia abbracciava l’incedere della gondola, i suoi palazzi scrutavano sonnecchianti l’imbarcazione. “Quando moriranno i figli dei tuoi figli, noi saremo ancora qui”. Questo pensavano. Case sull’acqua. Eterno simbolo dell’ingegno umano.

Almeno all’apparenza.

“Se solo sapessero”, pensò il passeggero. Il segreto profondo della laguna, che solo un uomo in città poteva conoscere.

Immerso nei suoi pensieri, non si accorse del gondoliere sgozzato e del pugno che calò su di lui.

Enrico Dandolo si svegliò sporco di sangue. L’odore di muffa gli violentava le narici. Da un angolo buio uscì un essere che avrebbe potuto essere un uomo, se non fosse stato per i denti aguzzi e le branchie sul collo.

“Ben diverso dai suoi comodi alloggi, non è vero?”.

“Te ne pentirai, Sinann…estirperò la tua immonda razza!”.

L’essere schiaffeggiò il prigioniero. “La mia immonda razza permette a voi pusillanimi di vivere da re. Per ogni veneziano che si incipria e festeggia mascherandosi come un pagliaccio, c’è un namoreano sott’acqua che sistema le palafitte e svuota i canali dalla vostra merda! La vostra città puzzolente si regge sul sangue del mio popolo. Trecento anni, Enrico… trecento anni da quando arrivaste in laguna e ci assoggettaste! È ora di spezzare le catene”.

“E come pensi di fare? Se voi abomini usciste allo scoperto per la guerra, le altre nazioni umane vi purgherebbero col ferro e col fuoco”.

“Nessuno vuole uscire allo scoperto. Sai, non siamo stati fermi in questi anni. Noi namoreani stiamo… cambiando. Tentativi su tentativi hanno prodotto risultati inaspettati. Osserva”.

Sinann aprì la porta della cella. Alla vista di cosa c’era oltre, la consapevolezza colpì Enrico con la forza di un maglio.

L’urlo del doge si propagò per i cunicoli della prigione.

Fallaces sunt rerum species, Enrico”; i denti da squalo strapparono via la giugulare.

Anno domini 1205. Il nuovo doge Pietro Ziani viene acclamato dai veneziani. Il popolo guarda con meraviglia le sontuose vesti, i paramenti e il regale copricapo.

Nessuno può vedere le minuscole branchie dietro le orecchie del nuovo alto magistrato.

Tra la folla, sotto un cappuccio, un sorriso inumano splende.

Fallaces sunt rerum species, sporchi umani. L’apparenza inganna.


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.