Lago Gerundo

di Elena Stangherlin

ISSUE #33 - Cantagallo

Lago Gerundo. Lombardia. Anno Domini 1272

Non di dame e nobili cavalieri m’accingo io a novellare, né di uomini d’arme come un qualsivoglia giullare.
E seppur debba all’Altissimo le mie doti oratorie, ch’Egli mi perdoni, se qui nemmeno di Santi narrerò le historie.
S’è fatto il momento, miei fratelli beati, di cantar i fatti di quei luoghi sì disgraziati.
Giunsi a quelle sponde dopo mesi di cammino, e vi trovai soltanto nebbia e un diabolico destino.
Né fanciulli, né dame, mercanti o popolane: quelle vie non pareano neanche esser in terre Cristiane.
E non v’è falsità, od esagerazione di alcuna natura, se vi dico che anche il mio destriero tremava di paura.
Sembrava d’esser all’Inferno, tant’era l’insopportabile olezzo; puzzava di morte il Gerundo, di paura e di disprezzo.
E ora vi chiederete, voi ignari ascoltatori, il perché delle mie angosce e di sì nauseanti fetori.
Non calme né placide si dimostrarono quelle acque, esse nascondeano una bestia di cui per tanto tempo si tacque.
Pregate il nostro Dio e serrate con forza i portoni, Tarantasio è il suo nome ed è il più temibile dei dragoni.
Si dice esser nato dalle carni putride d’Ezzelino, il tiranno caduto in battaglia in un luogo lì vicino.
Ha denti affilati, un alito pestilenziale; tremate genti, egli potrebbe esser pure immortale.
È emerso dalla palude tra fumi infernali, si nutre di bambini e in terraferma non ha rivali.
E se qualcuno è scampato al biscione affamato, ahimè dal suo alito v’è chi è stato ammorbato.
Si dice esser verde, con le squame sudice di paltano; di sicuro è figlio di Satana come pure il Da Romano.
E non importa se siete cristiani, eretici o cavalieri, perché il malefico Tarantasio divora tutti senza pensieri.
Sia maledetto Ezzelino, quel figlio d’un cane, brucino all’Inferno lui e le sue azioni malsane.
A noi non resta che una sola salvezza: la fede in Gesù Cristo e nella sua divina grandezza.

Amici vi chiedo perdono se v’ho traumatizzati, ma di siffatte oscenità è giusto esser informati.
E se tra voi v’è un cavaliere dall’animo coraggioso, ch’egli brandisca la spada contro quell’essere iroso.

A chi lo sconfiggerà soltanto onore e infinita gloria; di lui io canterò le gesta, egli farà la storia.


Hey tu!

Facebook è malvagio e non ti fa vedere tutte le nostre cose! Iscriviti alla newsletter per non perdere i nuovi numeri e eventi Lahar Magazine. Ah, ogni tanto mandiamo anche delle storie a sorpresa, così.